5 predizioni sulle UX del 2017

Agli inizi del 2016 un articolo pubblicato su  Most Important Design Jobs Of The Future annunciava che nel prossimo futuro sarà la AR ( Augment Reality – Realtà Aumentata) a cambiare la vita delle persone tramite una mappa di operazioni astratte in un mondo psichico. Tra le varie aziende della Silicon Vallery ci sono compagnie che si occupano di AR e che potrebbero influenzare il mondo della realtà aumentata nei prossimi anni.

Tra l’altro stanno nascendo molte aziende che si occupano di AI (Artificial Intelligence – Intelligenza Artificiale) con nuovi tipi di interazione al di fuori da quelli dei tradizionali schermi. Questi permetteranno una interazione uomo-macchina sempre più naturale che mai, magari tramite una semplice chat con un linguaggio umano e naturale. Saranno forse possibili discorsi non solo via testo o chat ma anche con voce a parole o con gesti, con entità digitali che potranno comprendere cosa diciamo e/o cosa vogliamo. E qui che dovremmo capire, in primis Io stesso, come bisognerà modulare in modo naturale le nuove User Experience.

Sarà il tempo la chiave fondamentale di questa evoluzione, che ad oggi non riusciamo a stimare per questo tipo di andamento evolutivo. Dovremmo pertanto costantemente monitorare lo sviluppo delle AI, per essere pronti al cambiamento e spero nel prevenire ciò che avverrà.

Lo stesso UX Magazine aveva predetto che sarebbe stato difficile prevedere la differenza tra UX e Service Design datosi che la UX non è prettamente solo la progettazione di interfacce di App, ma anche lo studio a supporto di piattaforme diverse tra loro. Personalmente sfrutterò il grande potere dei BIG DATA che mi permetterà di valutare o addirittura prevedere cosa potrebbe accadere in questo mondo mistico.

Sarà quindi una grande sfida per il mondo UX!

 

Walter Fantauzzi

About the author: Walter

Business Model Maker